Anche gli insegnanti di Yoga hanno un ufficio

Pubblicato il settembre 27. 2018

Salute e Lifestyle

Del


Yoga teachers have an office, too
Siamo onesti – chi non ha mai sognato di lasciare il proprio lavoro per seguire una passione? Ulrike Schäfer di Berlino era una importante manager di una start-up che ha deciso di diventare insegnante di yoga.

L’appartamento di Ulrike a Berlino Kreuzberg racconta una storia. O meglio, lo fanno i libri, le fotografie ed i souvenir presenti – la storia di una persona che ha viaggiato per il mondo, che legge, fa musica e pratica yoga da molto tempo.


Dal 2017, Ulrike lavora in proprio come insegnante di yoga, copywriter e content strategist. Il suo appartamento è anche il suo home office, infatti usa sia il tavolo in camera da letto, che il tavolo da pranzo come postazioni di lavoro. Quando le chiediamo cosa sia la cosa più importante del suo home office, Ulrike risponde ‘un luogo ordinato, aria pulita ed uno spazio di lavoro che possa spostare facilmente’.

Leggi l’intervista ad Ulrike che ci racconta come ha preso la coraggiosa decisione di lasciare un impiego fisso e perché ami così tanto il suo Variable.



Tu pratichi e insegni yoga diverse volte alla settimana. Che effetto ha sulla vita di tutti i giorni?

Da quando ho iniziato ad insegnare Yoga, passo molto meno tempo seduta a lavorare, che è una cosa fantastica! Quando non sono occupata con lo yoga, mi prendo alcune pause per alzarmi e muovermi. Mangio più sano e bevo molta più acqua di prima. Cerco anche di fare meno cose contemporaneamente e di concentrarmi su un solo compito alla volta.

Perché hai deciso di iniziare a lavorare da sola?

Quando ho finito il mio tirocinio da insegnante e  ho deciso di iniziare ad insegnare yoga, avevo ancora un lavoro come manager in una start-up in crescita. Ma le mie giornate erano completamente piene. Desideravo insegnare di più e stare meno bloccata in ufficio. Avevo già esperienza come copywriter e content strategist, così ho deciso di provare. Amo che i miei due lavori siano così diversi, mi fanno stare in equilibrio.

Come descriveresti lo stile della tua casa?

Cerco di avere intorno meno cose possibile (tranne i libri). Mi piace un arredamento semplice e pratico, colori freddi come il petrolio e il grigio e le linee pulite. La maggior parte dei miei mobili sono piuttosto vecchi e vengono dai mercatini, perché mi piace mischiarli a pezzi di design come la lampada Kaiser Idell e la sedia Variable.



Come si colloca Variable in questo mix?

Mi piace la semplicità di questa sedia. Si adatta perfettamente ai colori della mia casa. E mi piace particolarmente la sua forma. Se ami il vintage in casa, a volte rischi che l’insieme sembri di poca qualità, ma non con accanto questa sedia.

Come trovi Variable, paragonata ad una sedia da ufficio convenzionale?

Sulle sedie normali le gambe sono troppo piegate, ed il risultato è che la parte frontale del corpo sia tesa ed a lungo andare si accorci. Per questo molte persone soffrono di mal di schiena. Su Variable le gambe mantengono la giusta angolatura con il torso. E poi sono continuamente incoraggiata a muovermi. E questo mi aiuta molto, considerando che spesso passo anche un paio d’ore di fila al computer, senza spostarmi.



Related Posts

Uno sguardo nell’ufficio di due imprenditrici del campo della bellezza

Che cosa hanno in comune la cura del corpo e l’interior design? In entrambi questi settori, la tendenza verso ‘il naturale’ è sempre più pre...

Ekstrem protagonista di un video musicale norvegese.

Sembra proprio che la passione per Ekstrem abbia raggiunto anche la scena musicale. Nel nuovo video dell’artista Norvegese Emilie Nicolas ‘W...

Anche i miliardari cercano la pace interiore

Avete visto Variable Balans in questa stagione della serie tv Billions? La nostra sedia è posizionata nella stanza della meditazione della A...