Essere un'icona

Pubblicato il febbraio 6. 2018

Sedie

Del


Only icons can make it

Siamo sempre stati molto orgogliosi della nostra prima sedia, Variable Balans di Peter Opsvik. E’ sulla scena da quasi 40 anni, e molti di noi lo ricordano fin dall’infanzia, addirittura a casa dei nostri nonni. Negli ultimi tempi però, questo tipo di seduta con appoggio delle ginocchia, sta tornando di grande interesse, tra i giovani creativi, interessati al design di interni.

Ecco perchè:

1. E’ facilmente riconoscibile

Se pensate ad una sedia tradizionale, di sicuro avete in mente quattro gambe ed uno schienale. Variable non è niente di questo, per questo è diventato una icona. La sua forma curvata lo rende la sedia più riconoscibile della nostra collezione. 

Nessa K, fotografa di Baltimora in  Maryland, dice di Variable "è l’unica sedia che mi impedisce di incrociare le gambe come un pretzel mentre sono seduta."

2. Funzionale ed anche bello

I pattini curvati e i poggiaginocchia fanno di Variable una sedia molto funzionale, ma senza caricarlo di inutili artifici di design. Opsvik ha creato una sedia minimal, che ti permette di sedere appoggiando le ginocchia, muovendoti mentre stai seduto. Una combinazione di fattori che ha rivoluzionato i preconcetti del tradizionale modo di sedersi. 

Monica Strand ispira più di 17k followers su Instagram con i suoi interni norvegesi in bianco e nero. 

3. Durerà per sempre, grazie ai materiali di prima qualità

Una sedia che permette di muoversi in maniera continua, deve per forza avere degli standard di qualità altissimi. Per produrre una sedia resistente alle pressioni variabili ed al movimento, dobbiamo per forza mettere al primo posto delle nostre priorità una qualità senza compromessi. Lavoriamo con materiali sostenibili che provengono da fornitori Europei certificati. Le nostre sedie sono controllate e testate regolarmente, per essere certi che resistano ad un uso quotidiano per molti anni. 

Silvia Stella, designer di tessuti, siede in modo attivo nel suo studio di Milano.  

4. Ha superato decine di anni di mode passeggere

Variable balans ha una forma che si distingue, per questo il suo gradimento non dipende dalle mode. Nel corso degli anni abbiamo cambiato la tinta del legno ed i tessuti per assecondare le tendenze. Ma la forma della nostra sedia, è sempre rimasta la stessa.

Jon Gorospe, un artista visual norvegese ci racconta ‘mia mamma mi chiamava sempre sedere agitato perchè non riuscivo a stare fermo, e adesso non devo più farlo!’ 

5. L’originale

Il concetto di seduta con appoggio delle ginocchia è stato replicato, ma nessuno può competere con la qualità, la funzionalità e l’estetica di Variable. La nostra originalità viene dal fatto che siamo stati dei pionieri, abbiamo osato inventare una sedia senza gambe e senza schienale. E’ la prova che un design non convenzionale può diventare un’icona, e rimanere fedele a se stesso senza subire i cambiamenti dettati dalle mode del momento. Abbiamo scelto con cura i materiali e le forme per trasformarli in una sedia fatta per durare anni. Provalo. E capirai la differenza. 


Related Posts

Ekstrem in the spotlight at Oslo Design Fair

In a future where less is more and quality trumps quantity, the look and feel of the items we surround ourselves with becomes more vital tha...

Una specie di magia

Il movimento è di vitale importanza, per chi lavora con le proprie mani. Vi presentiamo un’artista tessile che utilizza Variable nel suo lab...

Free footstool with Kokon and Peel

Get a free footstool when purchasing a Peel or Kokon recliner from Varier. The campaign is valid until August 31. Find your nearest retailer...